Istituto dei Curatori Fallimentari
Istituto dei Curatori Fallimentari

ACCESSO RAPIDO ALLE SEZIONI - seleziona l'argomento della discussione da te preferito

Il concordato preventivo (parte terza) artt. 179 - 181 e 183, 184, 185 e 186

 

Art.180 - Giudizio di omologazione

Se il concordato è stato approvato a norma del primo comma dell’articolo 177, il giudice delegato riferisce al tribunale il quale fissa un'udienza in camera di consiglio per la comparizione delle parti e del commissario giudiziale, disponendo che il provvedimento venga pubblicato a norma dell’articolo 17 e notificato, a cura del debitore, al commissario giudiziale e agli eventuali creditori dissenzienti.
Il debitore, il commissario giudiziale, gli eventuali creditori dissenzienti e qualsiasi interessato devono costituirsi almeno dieci giorni prima dell'udienza fissata. Nel medesimo termine il commissario giudiziale deve depositare il proprio motivato parere.
Se non sono proposte opposizioni, il tribunale, verificata la regolarità della procedura e l'esito della votazione, omologa il concordato con decreto motivato non soggetto a gravame.
Se sono state proposte opposizioni, il Tribunale assume i mezzi istruttori richiesti dalle parti o disposti di ufficio, anche delegando uno dei componenti del collegio. Nell’ipotesi di cui al secondo periodo del primo comma dell’articolo 177 se un creditore appartenente ad una classe dissenziente contesta la convenienza della proposta, il tribunale può omologare il concordato qualora ritenga che il credito possa risultare soddisfatto dal concordato in misura non inferiore rispetto alle alternative concretamente praticabili.
Il tribunale provvede con decreto motivato comunicato al debitore e al commissario giudiziale, che provvede a darne notizia ai creditori. Il decreto è pubblicato a norma dell'articolo 17 ed è provvisoriamente esecutivo.
Le somme spettanti ai creditori contestati, condizionali o irreperibili sono depositate nei modi stabiliti dal tribunale, che fissa altresì le condizioni e le modalità per lo svincolo.
Il tribunale, se respinge il concordato, su istanza del creditore o su richiesta del pubblico ministero, accertati i presupposti di cui gli articoli 1 e 5, dichiara il fallimento del debitore, con separata sentenza, emessa contestualmente al decreto.

ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
Autore:
e-mail (non sarà pubblicato):
Sito Internet:
Commento:
Anti-spam:

 Quanto fa 8 sommato a 7?

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.

Istituto dei Curatori Fallimentari

SEMINARIO ISOLA DI CAPRI - SETTEMBRE 2018

Legge Fallimentare agg. 29 dicembre

Legge Fallimentare - Zucchetti Software Giuridico

prova1

Legge Fallimentare - Ultima modifica

La Legge Fallimentare nel Decreto Sviluppo

  Si allega la versione del DL convertito dal Senato

Azienda XY 01

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

Hotel XY

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

Capannone XY

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

inviate i vostri inventari clicca qui

Istituto dei Curatori Fallimentari


Istituto dei Curatori Fallimentari

ACCESSO RAPIDO ALLE SEZIONI - seleziona l'argomento della discussione da te preferito