Istituto dei Curatori Fallimentari
Istituto dei Curatori Fallimentari

ACCESSO RAPIDO ALLE SEZIONI - seleziona l'argomento della discussione da te preferito

Programma di liquidazione art. 104 ter

 

Art.104 ter - Programma di liquidazione

Entro sessanta giorni dalla redazione dell'inventario, il curatore predispone un programma di liquidazione da sottoporre all’approvazione del comitato dei creditori.
Il programma costituisce l’atto di pianificazione e di indirizzo in ordine alle modalità e ai termini previsti per la realizzazione dell'attivo, e deve specificare:
a) l’opportunità di disporre l'esercizio provvisorio dell'impresa, o di singoli rami di azienda, ai sensi dell’articolo 104, ovvero l’opportunità di autorizzare l'affitto dell’azienda, o di rami, a terzi ai sensi dell'articolo 104 bis;
b) la sussistenza di proposte di concordato ed il loro contenuto;
c) le azioni risarcitorie, recuperatorie o revocatorie da esercitare ed il loro possibile esito;
d) le possibilità di cessione unitaria dell'azienda, di singoli rami, di beni o di rapporti giuridici individuabili in blocco;
e) le condizioni della vendita dei singoli cespiti.
Il curatore può essere autorizzato dal giudice delegato ad affidare ad altri professionisti alcune incombenze della procedura di liquidazione dell’attivo.
Il comitato dei creditori può proporre al curatore modifiche al programma presentato.
Per sopravvenute esigenze, il curatore può presentare, con le modalità di cui ai commi primo, secondo e terzo, un supplemento del piano di liquidazione.
Prima della approvazione del programma, il curatore può procedere alla liquidazione di beni, previa autorizzazione del giudice delegato, sentito il comitato dei creditori se già nominato, solo quando dal ritardo può derivare pregiudizio all’interesse dei creditori.
Il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, può non acquisire all’attivo o rinunciare a liquidare uno o più beni, se l’attività di liquidazione appaia manifestamente non conveniente. In questo caso, il curatore ne dà comunicazione ai creditori i quali, in deroga a quanto previsto nell’articolo 51, possono iniziare azioni esecutive o cautelari sui beni rimessi nella disponibilità del debitore.
Il programma approvato è comunicato al giudice delegato che autorizza l’esecuzione degli atti a esso conformi.

ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
ENTRA
  • Ultimo aggiornamento:
  • Discussioni: 0
  • Commenti: 0
Autore:
e-mail (non sarà pubblicato):
Sito Internet:
Commento:
Anti-spam:

 Quanto fa 7 sommato a 9?

I commenti sono moderati, alcuni dati sono registrati nel rispetto della privacy. Inviando il commento si accettano le condizioni.

Istituto dei Curatori Fallimentari

SEMINARIO ISOLA DI CAPRI - SETTEMBRE 2018

Legge Fallimentare agg. 29 dicembre

Legge Fallimentare - Zucchetti Software Giuridico

prova1

Legge Fallimentare - Ultima modifica

La Legge Fallimentare nel Decreto Sviluppo

  Si allega la versione del DL convertito dal Senato

Azienda XY 01

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

Hotel XY

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

Capannone XY

Me habent aliquip demonstraverunt nisl eorum.
presso: Nunc legere enim decima

inviate i vostri inventari clicca qui

Istituto dei Curatori Fallimentari


Istituto dei Curatori Fallimentari

ACCESSO RAPIDO ALLE SEZIONI - seleziona l'argomento della discussione da te preferito